Materialismo, esistenzialismo, transumanismo

Il perché della complessa situazione presente.

I transumanisti,

lo specifico dell’antropologia cristiana e la sessualità
nella Sacra Scrittura

una specie di aggiunta, interpretazione del nostro tempo del
Magistero, sempre l’antropologia cristiana della sessualità.

 

Giovanni Paolo II nella Riconciliatio

 

Un biochimico francese ebbe il nobel in biogenetica,
confermò le parole del papa senza conoscerle. Il caso e la necessità, libro.
L’uomo sfrattato dalla casa che lui steso ha costruito, avvelenato dalle sue
stesse industrie, manipolato dalla sua tecnologia, angosciato dai suoi stessi
divertimenti, schiavo dei suoi stessi soldi, sconosciuto ai suoi simili. L’uomo
libero oggi sono saa come difendersi dalla sua stesse libertà. L’uomo che
costruisce un mondo senza Dio vede questo suo mondo cadergli addosso. Non
risponde allo schema di Dio e dell’uomo a immagine e somiglianza di Dio.

Il perché di questa complessa situazione che è contro
l’uomo, da dove viene tutta questa aggressività che è contro l’umanità?

Ve lo presento alludendo a 2 correnti filosofiche:

1-     Materialismo:
creano una filosofia necessariamente atea e a priori una filosofia atea, di
fatto parlano all’uomo dicendo: o Dio o l’uomo, perché non è stato Dio a creare
l’uomo, ma l’uomo a creare Dio. L’uomo si è fatto idealista, ha cominciato a
creare un’alienazione. La prima alienazione che l’uomo ha voluto provocare da
sé stesso è l’alienazione della dimensione religiosa. La prima alienazione è
quella religiosa. L’uomo vedendosi piccolo ha creato Dio. Io sono intelligente
ma c’è un essere che è l’intelligenza stessa. Io sono potente, ma Dio è
onnipotente. Io sono solo qui, Dio da per tutto. L’uomo si è lavato le mani
delle sue responsabilità, ha creato Dio, una figura proiettata di se stessa.
L’uomo continua a creare Dio. Se si vuole integrare in sé deve cancellare Dio.

S Ambrogio: è mai possibile che
un uomo che maltratta Dio possa trattare bene l’uomo che è immagine e
somiglianza di Dio? No. È questo che è successo. Non è solo una filosofia atea
ma anche antiumana, contro l’uomo. O l’uomo spirituale o l’uomo corporeo. Non
l’uomo spirituale ma quello corporeo. Feuerbach: noi siamo quello che mangiamo.
Mi rendo conto della costituzione di me stesso. Il materiale del pranzo è lo
stesso del mio corpo. Niente uomo spirituale, quella è un’altra alienazione. O
l’uomo individuale o quello collettivo. Non l’uomo individuale, personale, ma
quello collettivo. Questa è la filosofia comunista, materialista collettivista.
L’uomo come persona non è importante.
L’uomo passa, la società continua. È importante la società, non l’individuo.

Quando un individuo non funzione si toglie e se ne mette un altro, come i pezzi
delle macchine.

L’uomo è strumento del lavoro. Il
lavoro è strumento di produzione. L’uomo si categorizza a seconda della
produzione. L’uomo che ancora non produce è il bambino nato, l’anziano. La
categorizzazione dell’uomo è materiale. Dell’uomo non rimane che una sola
dimensione, non è ridotto alla metà, ma non è uomo. Prescindendo dalla sua
unitarietà corpo anima, l’uomo non è uomo.

2-     Poi
c’è la filosofia esistenzialista. È materialista, immanentista che dice che
l’uomo vine a questo mondo privato di essere e dotato solo di esistenza. Viene
a questo mondo solo con l’esistenza, non è niente, non è nessuno porta con sé
solo esistenza. Se vuole essere qualcosa nella sua esistenza può essere quello
che vuole a 360°, perché è venuto senza esistenza. Il grande filosofo di questa
corrente è Sartre. La sua compagnia diceva che la sessualità non è definita,
essere uomo o donna non è niente di prescrittivo. Anche dal punto di vista
della sessualità posso essere quello che voglio. Il femminismo è partito da
qui. Ordinariamente una parentesi è nel vuoto, sta in un libro dove non c’è
testo. Questo è il senza senso dell’esistenzialismo. La mia parentesi
esistenziale non è costretta nel dal testo precedente né da quello seguente.
L’uomo non fa riferimento a niente e nessuno. Dio nella genesi dice: è buono,
non è buono che l’uomo sia solo. La parentesi è la solitudine totale. Tutto si
rivolge contro, senza Dio.

3-     La
scienza e la tecnica davanti all’uomo. Dovevano essere per l’uomo, dato che
sono 2 capacità e progressi umani. Nel loro nascere pensavano al bene
dell’uomo, invece tutto si è rivolto contro l’uomo che costruiva scienza e
tecnica senza Dio.

Vi faccio presente

1. dentro la scienza e la
tecnica, la capacità esplorativa di questi 2 modi di sapere e di lavorare sono
arrivati negli ultimi 50 anni a livelli stupefacenti. Sono arrivati altissimi
sia nel microcosmo che nel macrocosmo. Settore particolarmente esplorato è
stata la vita umana, sistema antropologico. In questo campo, della bios, vita
umana, la tecnica una volta incamminata dalla scienza si è emancipata, messa in
proprio, sbizzarrita. Ha fatto la rivoluzione industriale, quella informatica e
quella gnomica. Quindi una rivoluzione nel campo della genetica. Nasce una
terza cultura, è la cultura del POSSIBILE. Davanti alla tecnica si va avendo la
convinzione che non esiste l’impossibile. Adesso la tecnica può tutto, è solo
questione di tempi. Chi poteva pensare che arrivavamo alla luna? I nonni lo
raccontavano a noi nipotini come una favola. I nonni moderni stanno pensando ad
altre favole che finiranno nel nulla perché la tecnica ci arriva per davvero.

Mi ricordo un brano di un
giornale del ’96, si leggeva scritto da Manuele Severino: la scienza e la
tecnica sono destinati a diventare qualcosa di più decisivo di una chiesa. Il
rimedio di ogni sogno pensato solo sogno. La convinzione è quella, sia arrivati
alla cultura del POSSIBILE, perché la tecnica è solo questione di tempo.
Assiomi fondamentali di questa cultura: ci dice che deve appoggiarsi in
principi fondamentali, la cultura del possibile è:

a- nulla esiste all’infuori
dell’universo
, della materia. la tecnica raggiunge tutto, non c’è
l’impossibile data la tecnica. Il fenomeno spirituale è il punto più alto
dell’evoluzione della materia stessa. Tutte le cause sono immanenti. Non è
necessario andare a trovare cause fuori dell’ordine che conosciamo.

b- la scienza è neutrale.
Significa che non guarda in faccia a niente e a nessuno perché non difende
valori e non ha valori da rispettare. Se dovesse usarsi il linguaggio di
valore, la scienza è il valore supremo, davanti al quale tutti i valori si
chinano. L’uomo non è più soggetto, ma oggetto. La scienza non è più scienza
dell’uomo e per l’uomo, ma è l’uomo per la scienza.

c- c’è un’unica scala animale,
un’unica categoria animale. Assieme a noi la tartaruga e l’asino.

L’asino è moralmente integro, è
sempre asino, si comporta sempre da asino. Lui non può agire “dis-asinamente”,
l’uomo può agire disumanamente. La distanza è diversa. Nell’uomo non c’è alcuna
nota essenziale. Una testimonianza riguardo a qst ultimo assioma, c’è una sola
scala di animali, tutti gli animali sono uguali. Siamo tutti animali e tutti
uguali. Noi umani non possiamo pretendere di essere superiori. Lo dimostra un
premio Nobel. Guardate che antropologia stiamo costruendo. Nei cromosomi porta
tutto il proprio presente e il proprio avvenire, il suo essere animale. Ogni
organismo è la realizzazione di un programma prescritto. Sono la traduzione di
un messaggio biologico.

Così qst altro premio Nobel
Muller, si presenta nel congresso di Chicago e lancia l’offensiva genetica,
cioè impossessiamoci definitivamente dell’uomo e facciamolo come ci pare a
nostra immagine e somiglianza, come ha fatto Dio. Facciamo un’umanità senza
difetti, si presenta in 3 passi.

1—SELEZIONE GERMINALE: selezione
delle cellule generative, la coppia può scegliere tra i gameti di soggetti di
altissima qualità. Si ha un magazzino con tutte le esigenze, nel quale si
trovano i gameti migliori di esemplari grandiosi. Si racconta di un incontro di
una modella con Einstein. Stanno vicinissimi. La modella dice: si immagina
signore che bell’esemplare potremmo fare lei e io? E Einstein: dato che qst
cose non si possono ben governare, immagini se io do la mia bellezza e lei la
sua intelligenza, che disastro.

L’uomo e la donna che vogliono
avere figli a propria misura. Nel ’78 nacque la prima bambina in provetta.
L’uomo non è generato ma prodotto, fatto, con tutte le leggi del mercato,
dell’interscambio monetario. Tutte le domeniche ripetiamo: il Figlio generato
non creato, non fatto.

2—SELEZIONE GENOTIPICA: analisi
preimpianto. la diagnosi prenatale riconosce il genotipo che è stato concepito,
individua la situazione, segnala quello che è perfetto, da mantenere e quelli
che non rispondono alle desiderata, verrà eliminato come soggetto gravoso. Poi
avviene la

3—SELEZIONE GENICA. Il soggetto
perfetto selezionato viene ottimizzato, le sue qualità vengono portate
all’eccellenza e poi viene clonato perché è il meglio, è il top. L’essere
relazione dell’uomo viene a trovarsi in un labirinto di relazioni. Appena entra
nel tessuto sociale lui vive dalle sue relazioni, entra in simbiosi, qui si
troverebbe il poveretto, quale è il padre, la madre? Che relazione con
l’ingegnere genetico? È il protagonista. I donatori di gameti? La padrona
dell’utero? I genitori commissionanti? Una umanità di prodotti selezionati:
innata, controllata da lontano? Richard Lee, prof dell’uni Huston, spiega che
il progresso significa la necessaria.

4—CRITERIO BASE. TRANSUMANISTI si
presentano come una corrente che va al dilà dell’umanesimo, è un uomo
completamente nuovo, il risultato di una terza cultura basata sull’onnipotenza
della tecnologia che avendo preso possesso del genoma umano aggredisce
l’umanità con quelle tre fasi aggressive con le quali pretende di trasformare
l’umanità. L’umanità è concepita come materiale, è nata dall’animalismo di
sinistra, tra l’uomo e gli animali non c’è differenza. L’uomo non porta nessun
dato. Viene professato da chi professa il materialismo. Sono tecnofili. Persone
che nel campo della tecnica hanno un grande nome, allo stesso tempo la loro
tecnica non vede nell’uomo un soggetto di diritti, non lo considerano soggetto
di diritti. Sostengono l’edonismo genetico, il fine è solo il piacere. L’uomo
deve essere programmato per l’edonismo, il piacere, deve essere arricchito di
tutto ciò che offrirà piacere. Sono promotori della clonazione, è l’immagine
dell’uomo nuovo, vogliono uomini più forti, belli, attraenti, longevi… sono
promotori dei farmaci come prozac, viagra, ritalin (uno stimolante). Questo
risponde a chi sono questi? Chi è il fondatore? È Nick Bostum, famoso
ricercatore di biochimica dell’università di Yell, che profetizza la
generazione dei 150enni. Già quelli che hanno 90 anni hanno Parkinson, la vita è pesante, questi
pensano di allungare la vita a 150 anni. Che pena che non potremo vederli, ma
saranno fenomeni😉

qual è la consegna, il punto
forte dei transumanisti? Insegnano che la chiave del nuovo eden è l’ingegneria
genetica. Dice: ho visto un eden in cui l’uomo è sempre giovane e ho trovato la
chiave di quel giardino, l’ingegneria genetica. Controllo dei corpi, si augura
la manomissione della inea germinale umana. Il commercio e clonazione degli
embrioni, la diagnosi pre impianto con carattere eugenico, che vengano
eliminati tt gli individui che nn devono stare in questo mondo. La libera
scelta del sesso, ogni persona deve scegliere quello che più gli piace. In una
conferenza si parlava del diritto delle future generazioni di scegliere i
figli. I figli sono scelti come oggetti. Per giustificare la selezione degli
embrioni, dice che il progresso è estinzione dei meno competenti. Il criterio
base è: la vita inizia con la consapevolezza. La vita umana comincia con la
consapevolezza di sé. Intanto l’embrione è solo una palla di cellule, un
insieme di cellule. Concludono: le staminali embrionali sono l’unica soluzione.

La omogeneizzazione, appagamento
da droghe, degrado del senso estetico, sottomissione, anime senza amore e senza
desideri sono risultati di questa mentalità. Quando l’uomo passa da soggetto a
oggetto, che antropologia si può pensare dietro a questo modo di concepire
l’uomo.

5—il pensiero è tutt’altro nelle
Sacre Scritture. Ci rendiamo conto che la persona umana è quella con 2
indirizzi nelle sue relazioni, è un essere umano relazionale, dotato di ragione
e libera decisione, dotato di responsabilità di sé, risponde di sé a chi gli ha
dato la vita, perché non se l’è data da solo. A questo suo essere in sé si
aggiunge la relazione sociale. La prima è verticale, la seconda orizzontale.
Verticale in linea ascendente, l’uomo con Dio e l’uomo col creato. Quello
orizzontale è l’uomo con i suoi simili. L’uomo è un personaggio di altissima
qualità. Dipendenza dal momento che non si è dato l’essere e non lo può
sostenere, la sua relazione lo mette in un contesto teologale, per questo la
nostra antropologia è teologale, cristiana. Se ci domandiamo chi è l’uomo
possiamo pensare a una creatura contingente, non autonoma, il suo agire dipende
da un essere contingente, ma la sua relazione fondamentale è con Dio. Se mi
domando che sono io, chi sono io, devo rispondere: SONO L’AMORE CHE DIO HA PER
ME.

Perché è l’unica cosa che
giustifica la mia esistenza, ogni uomo, è degno di assoluto rispetto. Può
essere brutto e cattivo, ma lui risponde sempre a un amore che Dio ha per lui
che non è ripetuto. Il suo rapporto verticale mette in un punto molto alto
l’antropologia cristiana. Qnd un fariseo domandò: qual è il comandamento più
alto della legge? Ascolta Israele il Signore è uno, Lo amerai con tutte le tue
forze, con tutto il tuo cuore. Il secondo del quale non mi hai domandato
niente, è simile al primo: amerai il prossimo tuo come te stesso. Perché Dio ha
fatto l’uomo a Sua immagine e somiglianza, non sopporta essere riverito mentre
l’uomo è maltrattato.

Quando viene cancellato Dio,
l’uomo rimane indifeso, ciò che lo fa prezioso è ch risponde a un decreto
divino. A questo si aggiunge che il Signore pensò l’uomo in 2 versioni: uomo e
donna. Genesi 2, 26-27 facciamo l’uomo a nostra immagine e somiglianza, a sua
immagine li creò. Tutti e 2 rispondono a un unico punto di riferimento. Sotto
il punto di vista di grandiosità, tutti e due hanno lo stesso titolo, sono
immagine e somiglianza di Dio. Le differenze non hanno come fine la
separazione, tutti e due sono chiamati all’unità, infatti dopo, presentando la
donna all’uomo, dice: Questa è carne della mia carne e ossa delle mie ossa.
L’unione non è solo con Dio ma anche tra loro.

Quando a Gesù chiesero i farisei:
è lecito che l’uomo ripudi la moglie? Gesù disse non avete letto che il
Creatore li fece maschio e femmina, i due saranno una sola carne. Lui ricorda
il principio, l’inventore dell’uomo e della donna è Dio, li pensò diversi e
complementari. Una volta che si uniscono fanno una sola carne. Fare differenza
perché potessero completarsi. Lui è tutto, lei è tutto, insieme fanno un tutto.
Adamo ed Eva non potevano essere separati, quelli che Dio ha unito l’uomo non
li può separare. Loro potevano non sposarsi, tutti quelli che si sposano, non
entrare in quella struttura, ma se entrano in quella struttura, entrano in uno
schema che è di Dio. Mi ricordo avevo un amico paracadutista, domandai del
paracadute, molto semplice, te lo metti, te l’aggiusti bene, 2 palle di piombo,
ti metti sulla porta, agganci, ti lanci con tutte le forze non verso giù ma
orizzontalmente per superare l’ala di dietro, ti butti a rana per opporre una
resistenza più omogenea all’aria. Si deve aprire quando stai con la faccia
verso terra, non verso il cielo. Ne vale la tua vita, ti devi mantenere in
quella posizione. Puoi rimanere nell’aria, camminare. Entri in una condizione,
devi rimanere in quella. Quella ha le sue regole, le devi rispettare. Non ti
sei inventato tu quella condizione, l’ha inventata Dio.

 

 

4. facciamo l’uomo a nostra immagine
e somiglianza

 

 

 

This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s