Pornografia a scuola: l’ultima frontiera dell’indottrinamento Arcigay

Genova/ Fumetti porno per bambini. Scandalo in biblioteca

Lunedí 25.05.2009 10:30

Scandalo a Genova dopo che gli organizzatori del Gay Pride hanno messo a disposizione di giovani e adolescenti due opuscoli sui temi della sessualità e dell’affettività. I libretti sono corredati da bibliografie di siti internet, da Arcigay, Arcilesbica e Crisalide-Azione Trans, con fumetti espliciti che sconfinano nella pornografia. Il caso, sollevato da un consigliere regionale Pdl, è finito davanti alla procura. E sul forum di Affari scoppia la polemica. Molti i lettori indignati che scrivono che è "vergognoso". Ma c’è anche chi non grida allo scandalo e sostiene che " è meglio in biblioteca che altrove". E una lettrice vicina al Gay Pride scrive: " E’ una menzogna politica e omofoba" (non poteva ovviamente mancare il genio che giocasse la carta dell’omofobia, ndr). E manda ad Affaritaliani un video che spiega la campagna sessuale. […]

I LIBRI- I volumi dal titolo "Diversamente libri" si trovano in due versioni: uno per adolescenti e uno per bambini e bambine. Distribuiti in varie copie, con il benestare del sindaco di Genova, Marta Vincenzi, contengono una ricca bibliografia di siti in realtà poco adatti ad un pubblico infantile. Tra questi www.beyourself.it, "una community giovanile dedicata alla sessualità e all’affettività in ogni sua forma".

Continua qui

Fumetti porno, Genova spiega il sesso ai bimbi

di Massimiliano Lussana

Lo sanno tutti: i bambini devono imparare l’alfabeto. Anche le lettere più difficili e quelle assemblate nel modo più strano a disposizione. E quindi, nella biblioteca per bambini di Genova, ci si esercita su Lgbtqui. […] Diciamoci la verità. I disegni non sono un granché. Non siamo né nei dintorni di Milo Manara, né in quelli del Magnus in versione erotica, ma nemmeno in quella dei già non esaltanti manga giapponesi. Ad esempio, i peli sul sedere del protagonista maschile – peraltro forse troppo anticipati per un pubblico di «bambine e bambini», forse ancora glabri – sembrano troppo sollevati dalla pelle per essere veri. E, come potete vedere dall’ampia selezione grafica che vi presentiamo in queste pagine, anche i testi non è che siano proprio straordinari. I giochi di parole con i fumetti «Non lo vuoi un bel pee…sce nella vaa…sca» o vorrei «un caa…ne nel cuu…ore, ho la fii…nestra aperta» – lettere in nero, ripetizioni di vocali e puntini di sospensione sono degli autori – sarebbero di cattivo gusto anche in un film di Bombolo, Cannavale e Alvaro Vitali. Figuriamoci su un sito segnalato e consigliato ai bambini. Ma anche senza neretti e virgolette, non è che il resto sia meglio. C’è il ragazzo, peraltro senza mutande, che chiede alla ragazza se può toccarle il seno e – dopo aver festeggiato l’inatteso diametro – accompagna il tutto con una dietrologia. Nel senso letterale della parola: «Posso da dietro?». La palpeggiata reagisce con argomenti di particolare forza intellettuale: «Ih, ih».
[…] E, addirittura, dai computer del consiglio regionale non è riuscito a collegarsi perché il sito «consigliato ai bambini» è filtrato dal dispositivo che impedisce l’accesso agli indirizzi internet inadatti ai minori. […] Noi l’abbiamo fatto, la magistratura pure (l’indagine pare proceda a ritmo spedito) e il risultato lo potete vedere in queste pagine. Sperando che nessun bambino che ha preso la bibliografia nella biblioteca comunale abbia fatto altrettanto.
(hanno collaborato Federico Casabella e Diego Pistacchi)

This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

13 Responses to Pornografia a scuola: l’ultima frontiera dell’indottrinamento Arcigay

  1. Alberto says:

    Giustissimo. Io non grido a nessuno scandalo. Frequentavo beyourself nei primi mesi dopo il mio coming-out, e si tratta di un sito, ricco, interessante e anche divertente, con una sezione dedicata al sesso sicuro, accuratamente nascosta (ci ho messo un bel po\’ a trovarla) e non diretta ai bambini. Pornografia? Ma non mi prendano in giro, i signori lo sanno benissimo come è fatta la VERA pornografia. Se dovessi consigliare un sito dove un bambino possa informarsi sulla affettività e sulla sessualità (quello che a me non è stato mai concesso e ho invece imparato, male, dai compagni di classe in prima media) beyourself sarebbe sicuramente uno dei primi. I signori genitori, invece di scandalizzarsi tanto, potrebbero preoccuparsi di stare insieme ai loro figli quando navigano, e magari di visitarlo insieme beyourself. Fermo restando che nessun bambino sarà "rovinato" per aver visto un fumetto su come si usa il preservativo, sarà molto più rovinato dai genitori che lo rimproverano perché si masturba.

  2. Elena says:

    ma senti, io il sito non l\’ho visto e neanche ci tengo a vederlo. Solo l\’idea che esistesse una cosa simile fa rabbrividire.ops devo andare, poi finisco il discorso!

  3. Elena says:

    dicevo… se non è diretta ai bambini, meglio così.poi putroppo devo sottoscrivere la tua parentesi. e penso che un po\’ tutta la nostra generazione (anche se non so quanti anni hai) si può lamentare dei fatto di non aver avuto informazioni in famiglia, purtroppo. e questa è una carenza troppo troppo grave. ma il fatto è che nessuno probabilmente ha insegnato qst cose ai nostri genitori e loro non le hanno insegnate a noi.La tua ultima frase mi tocca molto, motivo per cui vorrei rispondere e non ci riesco. Fai un paragone tra preservativi e masturbazione e dici in sintesi che un sì al preservativo è un bene e un no alla masturbazione è un male.Io credo l\’esatto contrario e ti spiego perché.Dico NO al preservativo e Sì ai metodi naturali. Il NO al preservativo è dato dal fatto che il liquido seminale contiene solo per l\’1% spermatozoi e per il 99% contiene sostanze decongestionanti e antiinfiammatorie e altre che sono un bene per la donna, che altrimenti rimane congestionata.e poi soprattutto NO alla masturbazione. E questo perché a lungo andare possono provocare nevralgie del nervo pudendo, che poi impediscono di avere rapporti sessuali. Ci sono sicuramente altre motivazioni, ma questa mi sembra la più importante.

  4. Alberto says:

    Il liquido seminale contiene, più che fantomatiche e magiche sostanze decongestionanti, tutti gli eventuali batteri e virus del maschio; senza contare che nei rapporti non protetti non è a rischio solo la donna, anche l\’uomo si espone al contagio. A parte quando si voglia avere un bambino, il preservativo andrebbe usato sempre, anche nelle coppie sposate; è una questione di igiene, anche laddove ci si fidi ciecamente della fedeltà del partner, vi sono comunque malattie e parassiti che si possono trasmettere per via sessuale pur non essendo state contratte la prima volta in quel modo. Il no alla masturbazione è una tragedia, dal punto di vista degli effetti psicologici; nell\’adulto è causa di ogni genere di nevrosi e problemi. La cosa ha influito direttamente sulla mia salute, e questo è il motivo per cui non me la sento di tacere alcuni aspetti della mia esperienza. Sorvoliamo rapidamente sulla storia del nervo pudendo che hai riportato. Senza offesa, è ridicola… Se fosse come dici praticamente tutta la popolazione mondiale sarebbe incapace di avere rapporti sessuali, invece io stesso mi masturbo regolarmente e ho rapporti sessuali che è una meraviglia. Almeno, adesso li ho. In passato ho avuto dei problemi perché da piccolo mi masturbavo in modo scorretto e i miei genitori, invece di correggermi facendomi capire il modo giusto, facevano di tutto per impedirmi di farlo. Ho avuto per questo problemi notevoli sia al livello fisico che psicologico, e mi dà tutt\’ora qualche fastidio marginale su cui non mi dilungo. Se la pratica della masturbazione può essere forse discussa nell\’età adulta, nel bambino è una fase fondamentale, e rimproverare il bambino che si masturba è altamente dannoso alla sua salute. Vano tentare di farlo capire ai genitori, purtroppo…Comunque io una visita a beyourself te la consiglierei. Non è mica youporn, e sarebbe bene vedere con i propri occhi prima di farsi le idee.

  5. Elena says:

    1. le sostanze dette non sono né fantomatiche e né magiche. Mi riferivo a una conferenza della ginecolaga e sessuologa De Maria, che trovi anche in questo blog, nonché in skydrive.2. ovviamente il sì ai metodi naturali è accompagnato da un sì alla fedeltà, all\’amore, al matrimonio, alla vita. e qui mi posso fermare: Sì alla VITA!3. Quella del nervo è una storia vera, anzi tante storie vere di tante persone vere che si portano dietro per tutta la vita dolore e sofferenza. e se è vero "uomo avvisato mezzo salvato" quanto sarebbe più utile avvisare i bambini… cioè educarli e istruirli a riconoscere e capire la bellezza della vita e di ciò che c\’è di più bello nella vita, cioè l\’amore, a cominciare da quello tra 2 persone diverse, e la bellezza dell\’unico modo di esprimere e comunicare questo amore, cioè l\’atto coniugale.

  6. Alberto says:

    Una conferenza non ha alcun valore scientifico, specialmente se è stata tenuta da dilettanti come il comitato Scienza e Vita o simili compagnie (vorrei ricordare una volta in cui, a una loro conferenza, la relatrice, tale dott.ssa Musmeci o qualcosa di simile, ha letteralmente INVENTATO uno studio contro le adozioni gay che non esisteva). Se consideri affidabili simili fonti, non posso meravigliarmi se poi scrivi dei commenti fatti di luoghi comuni e segui l\’onda di fenomeni di autentica diffamazione come quello che riporti nell\’intervento. Va be\’, ti concedo di portarmi un articolo scientifico che confermi quello che dici, lo leggo e ne discutiamo validità e implicazioni. Fermo restando che non ho capito per quale motivo un maschio eterosessuale dovrebbe esporsi al rischio di contagi per fare la semeterapia alla sua ragazza.Comunque non posso nasconderlo; trovo bello vedere come anche la repressione sessuale evolve nuovi metodi per sopravvivere e continuare a far danni: una volta ai bambini dicevi "guarda che diventi cieco", adesso invece bisogna inventarsi storielle nuove come "attento che ti si lede il nervo pudendo!", per traumatizzarli. Meraviglioso e triste.

  7. Elena says:

    non c\’è limite alla menzogna eh! neanche alle offese e alle contraddizioni. in quello che scrivi ce ne sono a palate.devo fare esempi?1. dici che da bambino ti masturbavi in modo "scorretto" (perché il babbo e la mamma non ti avevano indicato il modo "corretto"), quindi dovrei dedurre che questo modo scorretto ti abbia creato problemi, invece tu attribuisci i "fastidi" che hai al tentativo di distoglierti da quello che facevi. 2. oppure, altra contraddizione, dici di avere "fastidi" e allo stesso tempo dici di riuscire a far l\’amore "che è una meraviglia".3. altre menzogne, ho detto che la Dott. Piera De Maria è una ginecologa e sessuologa con un lunghissimo curriculum alle spalle e tu la chiami "dilettante". Tu quali titoli hai in materia????????4. la dott De Maria ha prodotto una vasta letteratura su questi argomenti che puoi reperire se sei tanto interessato. ovviamente non solo l\’ultima conferenza che ho seguito, come era ovvio.5. altra menzogna e contraddizione: hai parlato di sesso senza contraccezione tra uno e la sua ragazza, mentre io avevo detto che il sì ai metodi naturali è accompagnato da un sì al matrimonio, non dimenticare.6. altra contraddizione, non ho detto di traumentizzare i bambini con argomenti scientifici tecnici esageratamente dettagliati per la loro età e le loro conoscenze, ma ho detto che bisogna educarli ad apprezzare la vita, l\’amore e l\’espressione dell\’amore, ovvero la sessualità.7. poi altra contraddizione, rigirando i termini. ti sei INVENTATO il termine semeterapia, per sottointendere che la donna sia già malata di suo (invece è il rapporto stesso che prova congestione).ti esce MENZOGNA da tutti i pori…

  8. Ettore says:

    Fatto di dilettanti il comitato scienza e vita, meno male che c\’è l\’arcigay a dirci quello che dobbiamo sapere…ci mancava solo che chi non usa il preservativo all\’interno del matrimonio è una sorta di criminale. Semrba di sentire quei tanto disprezzati autori medievali che guardavano con orrore al "seme e al sangue".

  9. Alberto says:

    Che roba. Va be\’, allora:1) Io attribuisco i miei fastidi al fatto che i miei genitori invece di pensare a farmi capire come si faceva tentavano di impedirmelo e basta.2) Sì, faccio l\’amore che è una meraviglia, con qualche fastidio saltuario e del tutto marginale, ma che comunque avrei preferito evitare.3) E quindi?4) E quindi? Sei tu che devi portare i dati, sei tu che hai una tesi da dimostrare.5) Quale contraddizione? Vogliamo mettere "moglie" invece di ragazza? Avanti, fra uno e sua moglie.6) Perché, "guarda che diventi cieco" è un argomento scientificamente dettagliato?7) Non l\’ho inventato, la semeterapia è una teoria pseudoscientifica secondo la quale fa bene inghiottire il seme. Io ho reinventato il termine a scopo ironico. Troppo complesso?

  10. Alberto says:

    Ettore: Almeno l\’Arcigay non si inventa le cose. Dare del dilettante a uno che inventa dei dati per rafforzare le proprie tesi sulla pelle della gente in effetti è un complimento, avrei dovuto dire criminale.Non usare il preservativo nel matrimonio è solo poco igienico, non criminale. Se i partner sono fedeli e d\’accordo su questa pratica, non mettono a rischio nessun\’altro e nessuno li condanna. Personalmente io sono sicurissimo della fedeltà del mio partner, ma siamo d\’accordo entrambi nell\’usare il condom comunque, visto che non ci costa nulla ed è più igienico.

  11. Alberto says:

    Sono troppo buono e ho controllato su NCBI se la De Maria ha mai pubblicato qualcosa. A meno che non sia suo un lavoretto che ho trovato sulla dermatite da contatto, Piera De Maria non ha mai pubblicato nulla… tranne forse su Topolino.

  12. Elena says:

    "e quindi? e quindi? e quindi?" ahahahahahahahahahahhahahahahahgrazie Ettore😉 kiss

  13. Alberto says:

    Non so rispondere ad una tale abilità dialettica.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s